Iron Bike e maltempo: tutto ok a Vieste, Gravina si recupera il 15 settembre

VIESTE – È stato sicuramente il maggio più freddo e piovoso degli ultimi anni e le conseguenze sono state avvertite anche dai ciclisti dell’Iron Bike. Niente paura, però. Il meteo di Vieste promette sole e poche nuvole, la gara non è a rischio. Temperature previste variabili dai 18° alle 8 ai 21° delle 14. Cielo sereno e vento moderato da nord-ovest. Nella nottata è stato completato il tracciamento del percorso garganico, dal mare alla montagna e bosco con ritorno in spiaggia, con alcune importanti novità.

News dal percorso di Vieste

In seguito alle copiose piogge che per tutto il mese di maggio si sono abbattute sulla Foresta Umbra, la Direzione di Organizzazione dell’Iron Bike e il Comitato Organizzatore della Mediofondo del Gargano, insediati presso la sede logistica dell’Hotel I Melograni, hanno ritenuto opportuno modificare il tracciato, evitando alcuni tratti impraticabili e alcune discese rese irrimediabilmente scivolose. Confermato il ritrovo presso l’Hotel I Melograni e la partenza simbolica alle ore 9:30 nel centro storico e il successivo percorso turistico sino alla vecchia strada bianca per il Paradiso Selvaggio (Valico Pagliaro freddo). A metà salita (km 8 di gara) si svolterà a destra, discesa di 3 km, poi a sinistra per uno strappo su asfalto di 3 km che conduce alla salita di Uomo Morto e Iacotenente. A metà ascesa la deviazione dei percorsi, con il corto che comincia la discesa a mare. Il lungo dopo lo scollinamento imboccherà le Ginestre, come lo scorso anno, ma ad altezza dell’uscita Jazzo (15 km all’arrivo) svolterà seccamente a destra, ricongiungendosi sul corto su un tratto di strada bianca tecnica di 7 km, sino agli 8 km conclusivi, identici alle scorse edizioni.

Complessivamente saranno 51 km sul percorso agonistico (1100 metri di dislivello) e 30 per l’escursionistico (500 m di dislivello). Accrediti e consegna dei numeri avranno luogo a partire da questo pomeriggio presso l’Hotel I Melograni, a Vieste. Le operazioni di pulizia dei sentieri non hanno permesso di registrare la traccia completa del nuovo percorso. Non sarà quindi disponibile la traccia GPS e si invitano gli atleti a non fare affidamento esclusivo su quella del 2018.

«Vi consiglio pneumatici con mescola dura – spiega il patron dell’Iron Bike Maurizio Carrer – le discese sono molto sporche a causa del cattivo tempo. C’è poco fango, a scendere ci si può divertire senza strafare, mantenendo le giuste velocità. Abbiamo impiegato oltre otto ore sui quad per ripulire le discese principali (le Ginestre in primis). È necessario fare attenzione, la pioggia ha scavato tanti canali, occhi aperti. Vi aspetto per passare una domenica tra mare e montagna».

Sport Week terre Federiciane

BENVENUTA ROCCA IMPERIALE – L’uscita dal calendario della tappa lucana di Montalbano Jonico, organizzata dal fan club di Domenico Pozzovivo, aveva lasciato tutti gli sportivi con l’amaro in bocca. La soluzione è spuntata fuori, come una lumaca o quasi, sotto il diluvio di Gravina, quando la Carbon Hubo di Paolo Novaglio ha manifestato il desiderio di fare il suo ingresso da organizzatore nell’Iron Bike. Sarà dunque la Gran Fondo Terre Federiciane a sostituire Montalbano Jonico domenica 9 giugno e sarà l’ultima gara prima della sosta estiva. E, ironia della sorte, si svolgerà a Rocca Imperiale, il primo paese della Calabria, sulla costa Jonica – a soli 30 km da Montalbano. Maggiori info dopo la gara di Vieste.

La Carbon Hubo CMQ – Italia Sport Team vanta un palmares organizzativo stellare, un vero e proprio valore aggiunto per il circus Iron Bike, nella quale è benvenuta. Spiega infatti il presidente Paolo Novaglio: «Abbiamo organizzato prove degli internazionali d’Italia XCO dal 2003 al 2007 nel castello di Brescia, dal 2008 al 2010 nel castello di Montichiari, nel 2011 nel  castello di Sirmione.  A ciò si aggiungono i campionati Italiani XCO a Brescia nel 2009, la Verdestate internazionale Downhill e la Marathon Internazionale a Roccaraso nel 2006, la Coppa Italia Esordienti e Allievi nel 2007 a Roccaraso e tantissime gare di minor rango».

L’evento si compone anche di una XC eliminator il 7 giungo (venerdì) e della gara per giovanissimi sia tesserati che non (al termine della prima), prevista per sabato 8 giugno, giorno in cui è possibile partecipare anche ad una prova di podismo su strada sulle distanze di 10, 6 e 3 km.

La gara di Gravina si recupera il 15 settembre

GRAVINA IN PUGLIA; ARRIVEDERCI AL 15 SETTEMBRE – Adesso è ufficiale. La sesta Mediofondo Bosco Difesa Grande, sospesa lo scorso 12 maggio a Gravina in Puglia per via del violento nubifragio abbattutosi sulla città “dell’acqua e della pietra” si recupererà domenica 15 settembre. Gli organizzatori dell’Amicinbici Losacco Bike hanno vagliato tutte le possibilità, evitando il più possibile ogni interferenza con un calendario estremamente saturo. La tappa, vista la conformazione delle classifiche, sarà probabilmente la più decisiva in chiave Iron Bike.

Per la prima volta nella storia della manifestazione il percorso sarà affrontato con i colori di fine estate e a breve saranno riaperte le iscrizioni sui canali ufficiali di Icron e Fattore K per dare la possibilità di registrarsi anche a coloro che non lo avevano fatto in prima istanza. «Tutte le iscrizioni che abbiamo ricevuto rimangono attive – spiegano dalla Amicinbici Losacco Bike – Per chi sarà impossibilitato a partecipare il 15 settembre, a causa di altri impegni, sarà previsto il rimborso integrale della quota versata, previo avviso che deve pervenire alla nostra mail teamamicinbici@libero.it tra il 2 e il 7 settembre. Oltre questa data le quote verranno trattenute».